di Wolf Murmelstein

Il POPOLO EBRAICO PER SECOLI TRA INCUDINI E MARTELLI

Con grande interesse e viva partecipazione ho atteso allo studio del libro di Wolf Murmelstein pubblicato nel giugno di quest’anno: “Il Popolo Ebraico per secoli tra incudini e martelli”. Confesso anche di aver provato una certa fatica nel procedere per il tono aspro e per l’atteggiamento di risentimento nei confronti del mondo dei non ebrei di Wolf anche se giustificabile in chi, come lui, molto ha sofferto per ingiustizie e discriminazioni, e non solo da parte dei gentili.

Cita Wolf nella prefazione il detto: “Il Santo, che sia benedetto, ha accordato la grazia ai figli di Israele sparpagliandoli tra le genti”. E’ questo, infatti, il disegno provvidenziale che ha fatto del popolo di Israele il “lievito” dell’umanità.

Wolf è un “bambino di Terezin”, e non può avere visioni provvidenziali. E’ il figlio di Benjamin Murmelstein l’ultimo Capo della Comunità del “ghetto modello” di Terezin voluto da Eichmann. Benjamin assolto da ogni colpa dai tribunali civili, ma condannato per essere stato “Judenrat” e soprattutto per essere sopravvissuto, da rabbini che si trovavano al sicuro mentre lui e la Comunità a lui affidata affrontavano le SS.

Un figlio amareggiato e frustrato, Wolf, per l’ingiustizia subita dal padre, protratta sino alla morte avvenuta nel 1989 e solo da poco alleviata da tardiva riabilitazione. La particolare posizione del padre è la motivazione che sta alla base della ricerca storica di Wolf Murmelstein è ciò che gli ha consentito di comprendere le situazioni in cui si trovarono coloro che dovettero rappresentare la Collettività ebraica di fronte ai vari dominatori, che si succedettero nel tempo, compreso Caifa di fronte a Pilato.

Detto questo, consiglio vivamente la lettura del libro a chiunque sia appassionato di storia o voglia rendersi conto del lento, travagliato avanzare dell’umanità nel periodo del quale abbiamo testimonianza. Di particolare interesse risulta la trattazione delle vicende dell’impero Romano nelle provincie orientali al tempo dell’imperatore Traiano, oppure il riferimento a episodi poco conosciuti come l’Abiadene o il regno dei Casari. Rilevanti sono anche la trattazione della figura di Shabbatai Zevi precursore del Sionismo o la segnalazione del tentativo sempre più marcato di degiudaizzazione della Shoah.

Appare inoltre di grande rilevanza e di utilità didattica, comunque è da segnalare la “Cronologia della Shoah”, inserita nel testo. L’attualità e l’importanza del libro sono da evidenziare anche in relazione alla recente negazione da parte dell’UNESCO dell’ebraicità di Gerusalemme. Anche questo è un esempio di azione persecutoria nei confronti del popolo di Israele e del tentativo di pregiudicare il suo diritto all’esistenza.

I concetti e i fatti riportati nel libro sono esposti con chiarezza e precisione, purtroppo anche con qualche svista tipografica che non disturba la comprensione ma l’estetica.

A Wolf vada per il suo lavoro, la chiarezza e la concisione dell’insieme, che fa del libro quasi un documento giuridico di denuncia, una lode enorme, anche se l’autore, ne sono certo, non ha operato per la nostra lode, ma per suo intimo appagamento.

 

P.d.F.

 

Il POPOLO EBRAICO, PER SECOLI  TRA INCUDINI E MARTELLI

597 a.e.v. – 2014 e.v.

di Wolf Murmelstein 

Editore  Youcanprint Self-Publishing – via Roma 73 – Tricase (LE) – 2016 www.youcanprint.it  - info@youcanprint.it

 

Ben Gurion - Herzl
Ben Gurion - Herzl

Se lo volete, non è una favola!   (T. Herzl 1860-1904)

friendsofisraelinitiative

 Stand for Israel,

Stand for the West

PAGINE di STORIA  EBRAICA

        di W. Murmelstein

Un passo avanti

 A Step Forward

 The Association for Conductive Education in Israel for children with cerebral palsy and motor dysfunctions

Sito aggiornato: 06/05//2017

e-mail Associazione:

italiaisraelevc@gmail.com