Consacrati attraverso il sacrificio: la santità della divisa di Tsahal

di Michael Freund                                                 www.michaelfreund.org/                             

Settant'anni fa, gli ebrei venivano gasati ad Auschwitz e lavoravano fino alla morte a Majdanek. Ora indossano l'uniforme dell'Esercito e orgogliosamente portano armi, combattendo contro coloro che cercano la nostra distruzione.

Giaceva precariamente sul bracciolo della poltrona, le sue rughe copiose tradivano il lungo duro sgobbare che chi la indossava aveva recentemente subito. Se potesse parlare, se potesse in qualche modo descrivere ciò che aveva visto e sentito negli ultimi mesi a Gaza, la grigia uniforme verde oliva di mio figlio avrebbe  sicuramente una bella storia da raccontare.

 Guardavo il tessuto resistente, l’ho preso e tenuto in mano per valutare la sua consistenza come un gioielliere esperto che scruta una pietra preziosa. Ma prima che lo sapessi, i miei pensieri si erano allontanati, vagando dal tessuto nella mia mano a questioni più lontane, meno materiali.

 Questo, mi sono detto, è quello che mio figlio ha indossato durante la sua incursione nell’Hamastan (n.d.t. territorio di Hamas, ossia Gaza), da dove lui e la sua unità erano fortunatamente usciti illesi.

 Questo è l'abbigliamento con cui aveva dormito e combattuto, questo è l'abito che lo ha accompagnato per settimane, che ha assorbito il sudore e le sue esperienze.

 La sua uniforme, mi resi improvvisamente conto, aveva un legame irrevocabile con lui, un legame che io non potrò mai avere.

Questo pezzo di abbigliamento senza pretese era stato in guerra con lui e con lui era tornato indietro, mentre io, suo padre, avevo potuto fare poco più che pregare e stare in preoccupazione, da lontano.

 Il semplice fatto che indossasse questa divisa, che lo ha identificato come israeliano, è stato sufficiente a indurre uomini armati palestinesi e cecchini a sparare contro di lui.

 “Che cosa ho fatto?" Mi sono chiesto in un momento impulsivo di colpa. Il mio ragazzo, il bambino che avevo portato a vivere in Israele quando aveva appena un anno di età, stava effettuando il servizio militare e rischiando la sua vita per il suo paese, mentre i giovani della sua età tornati in America stavano festeggiando la loro strada verso l'università.

Quest’uniforme, questa collezione di fili, più di ogni altra cosa, simboleggiava il sacrificio che stava facendo, dando tre dei migliori anni della sua vita per proteggere la Terra di Israele e del popolo di Israele.

 "Ho fatto la cosa giusta?" mi sono chiesto, ponendo una domanda che i genitori attraverso i secoli hanno usato per tormentare se stessi.

Ho afferrato la divisa sempre più saldamente, chiudendo la mano a pugno, come per punirla per le mie  proprie azioni.

 Il sionista dentro di me ha scacciato via la dose fugace di colpa auto-imposta, e mi ha  riportato con forza alla realtà.

Per amor di Dio, mi ha rimproverato, non ti rendi conto di quello che hai tra le mani?

E’ un pezzo di storia ebraica, un elemento che innumerevoli ebrei negli ultimi 2000 anni potevano solo sognare: Un uniforme ebraica che appartiene ad un esercito ebraico con il compito di difendere gli ebrei nella loro terra.

 Che cosa potrebbe esserci di piu’ santo? Settant'anni fa, gli ebrei venivano gasati ad Auschwitz o lavoravano sino alla morte a Majdanek. Oggi hanno messo su l'uniforme dell'IDF e orgogliosamente portano armi, combattendo contro coloro che cercano la distruzione degli ebrei.

 Tale indumento, che rappresenta la rivoluzione avvenuta nell’esistenza ebraica quando il popolo ebraico ha riguadagnato la propria sovranità nel 1948, ecco, tale indumento, che solo un momento prima aveva causato in me la messa in discussione di alcuni dei miei più importanti nelle decisioni della vita, ha cominciato ad assumere una nuova importanza.

 La divisa dell’ IDF, come quella che tenevo in mano, aveva restaurato il nostro orgoglio nazionale e rinvigorito il nostro senso collettivo del destino. Esso simboleggiava il ritorno del popolo ebraico alla scena mondiale, e la fine della nostra dipendenza da balia degli altri, un precursore tangibile per l'era messianica.

 La mia presa ha iniziato ad allentarsi.

 E poi mi sono ricordato due storie molto particolari di due rabbini di mondi molto diversi, entrambi i quali sottolineano quanto sia essenziale apprezzare ciò che una generazione speciale ha il privilegio di vivere.

 Una volta, uno studente si avvicinò al capo rabbino haredi Shlomo Zalman Auerbach per chiedere il permesso di recarsi in Galilea, mentre la yeshiva era in sessione, per pregare sulle tombe dei giusti.

 Dopo aver ascoltato la domanda, il rabbino rispose: "Per pregare sulle tombe dei giusti, non c'è bisogno di andare in Galilea. Si può andare invece al Monte Herzl, alle tombe dei soldati che sono morti in santificazione del nome di Dio ".

 E poi c'è una storia che riguarda il rabbino Joseph B. Soloveitchik, capo della scuola rabbinica RIETS alla Yeshiva University di New York. Conosciuto come "il Rav," che era una figura centrale nell'ortodossia americana.

 Una volta egli venne interrogato da uno studente che avrebbe dovuto  servire nella IDF e il cui compito sarebbe stata la pulizia e la manutenzione dei serbatoi. Spesso la sua uniforme si sarebbe sporcata ed egli voleva sapere se aveva bisogno di cambiare il suo abbigliamento prima di recitare la Minha, la preghiera del pomeriggio. Lo studente spiegò  che non sapeva se sarebbe stato possibile farlo, ma certamente sarebbe stato difficile e molto scomodo.

 Stupito, il Rav guardò lo studente e disse: "Perché hai bisogno di cambiarti? Già indossi bigdei kodesh, abiti sacri ".

 Può essere difficile per la mente moderna  concepire un capo di abbigliamento come “santo, sacro”, in particolare nel nostro tempo, in cui l'industria della moda ci ha insegnato a vedere l'armadio come un accessorio di bellezza fisica.

 Ma l'uniforme dell'IDF è davvero unica. E 'stata elevata ad uno status speciale dai secoli di nostalgia ebraica, e santificata con il sacrificio di tanti giovani uomini e donne israeliane che hanno combattuto per difendere questo paese.

 E non è solo una maglietta e un paio di pantaloni, ma un distintivo di onore per tutti coloro che lo indossano, quello che fornisce la nostra società con un senso di coesione e lo scopo esistenziale.

 Quale genitore non sarebbe orgoglioso di vedere il suo bambino vestito da quest’uniforme? Normalmente, sono i figli che guardano ai loro padri come i più grande di eroi della vita, in carne e sangue.

Ma, come ho posato con cura la divisa di nuovo sulla sedia, teneramente appiattita nelle sue pieghe, mi sono reso conto che quando tuo figlio torna a casa da una guerra in difesa del popolo ebraico, è vero il contrario, tu vedi tuo figlio come il più grande eroe.

 

  Traduzione: Tiziana Marengo

Ben Gurion - Herzl
Ben Gurion - Herzl

Se lo volete, non è una favola!   (T. Herzl 1860-1904)

friendsofisraelinitiative

 Stand for Israel,

Stand for the West

PAGINE di STORIA  EBRAICA

        di W. Murmelstein

Un passo avanti

 A Step Forward

 The Association for Conductive Education in Israel for children with cerebral palsy and motor dysfunctions

Sito aggiornato: 06/05//2017

e-mail Associazione:

italiaisraelevc@gmail.com